Tag: cossa

Cossa: Sardegna in ultima posizione nei test Invalsi. La Sardegna svicola verso il Terzo mondo

“La classifica INVALSI pubblicata oggi è la terribile fotografia della situazione in cui versa il sistema scolastico di base in Sardegna, finita ultima fra gli ultimi nel Paese, l’Italia, che a sua volta si colloca in posizioni imbarazzanti nei test internazionali (PISA). Lo afferma il consigliere regionale dei Riformatori sardi Michele Cossa.“I tanti danari investiti in questi anni in LIM e interventi di miglioramento strutturale non hanno avuto alcun impatto sul livello di istruzione, anzi, la Sardegna perde addirittura posizioni”.
Se ci si illude che basti ridipingere le scuole per cambiarne la qualità dell’apprendimento, questo è il risultato.
“Esiste una ipoteca pesantissima sulle prospettive di sviluppo di un’Isola che dovrebbe puntare tutto sul proprio capitale umano. Invece l’ascensore sociale rappresentato dal sistema dell’istruzione pubblica è drammaticamente fermo.
Occorre un grande e paziente sforzo progettuale, occorre un confronto franco con lo Stato per stabilire obbiettivi credibili di miglioramento, occorre lavorare in silenzio e con dedizione senza cercare inutili scorciatoie di tipo edilizio se non si vuole far precipitare la nostra isola nel terzo mondo. Ma forse l’obiettivo della gauche-caviar che governa lo Stato e la Regione è proprio questo”, conclude Cossa.

Cossa: Piena adesione alla manifestazione odierna. La nuova rete ospedaliera perpetua le sperequazioni

Siamo contrari alla proposta di rete ospedaliera formulata dalla Giunta Pigliaru, e presenteremo numerosi emendamenti per riportarla a razionalità ed equità” Lo dichiara il consigliere regionale dei Riformatori Michele Cossa. “Questa maggioranza come sempre fa le cose al contrario: ha tralasciato la cosa più importante, vale a dire la rete dei servizi territoriali e fissare il sistema di emergenza-urgenza (che sta aspettando da oltre due mesi la nomina del responsabile dell’AREUS, ferma a causa dei dissidi dentro il PD) e quindi, in base a queste due reti, definire la rete ospedaliera, l’aspetto più costoso e che maggiormente dipende dalle altre due”, continua Cossa.

“Il numero e la qualità delle strutture territoriali e di quelle ospedaliere è legato alla programmazione dell’offerta dei servizi definiti nella stesura delle reti. L’alternativa è quella di non fare la programmazione e affidare lo sviluppo del sistema all’equilibrio tra domanda e offerta dei servizi che si crea spontaneamente nell’evolversi e nell’incrociarsi delle diverse esigenze sotto il profilo sociale e tecnologico e anche del mercato, sia pure un mercato controllato come quello della sanità”, continua Cossa. “Non si può fare programmazione solo per dire di averla fatta o, peggio ancora, per giustificare a posteriori scelte già fatte sul piano politico e che con una corretta programmazione dei bisogni hanno poco a che fare

Cossa (Riformatori): PIL, Sardegna ultima: incapacità delle Istituzioni di attuare politiche di sviluppo serie

“Il dato che vede la Sardegna ultima in Italia nei dati per la crescita (appena +0,3%) è una conferma della drammatica fragilità del nostro sistema economico e di come la mancanza di coraggio e l’incapacità della politica di fare scelte serie in tema di sviluppo economico rappresenti un elemento decisivo nella china discendente in la nostra Isola scivola in modo inarrestabile. In queste condizioni non stupisce certo il fatto che anche l’anno scorso la Sardegna abbia perso altre 2.500 persone in età lavorativa, tra cui moltissimi laureati che sono stati obbligati a portare altrove le proprie competenze.” Lo afferma il consigliere regionale dei Riformatori Michele Cossa.

“La politica e le Istituzioni non possono stare a guardare inerti la progressiva polverizzazione del tessuto economico della Sardegna, inseguendo chimere e sogni appartenuti ad un passato che non esiste più (basti pensare alla tragicommedia Alcoa). Occorre dare un segnale forte e deciso, riducendo le tasse e il carico burocratico, per dare ossigeno alle nostre imprese e attrarre nuovi investimenti. Nei prossimi giorni i Riformatori avanzeranno precise proposte al riguardo”, conclude Cossa.
close-link