Cossa: lo sciopero aereo crea enormi disagi alla Sardegna

“Uno sciopero di 24 ore che in realtà penalizza la Sardegna per tre giorni, con disagi enormi per i sardi e danno rilevanti per la nostra economia.

La Sardegna non può sopportare un carico simile: essa dev’essere considerata non poche ore al giorno ma permanentemente in una fascia di salvaguardia, atteso che non ci sono alternative serie al trasporto aereo, a differenza di tutte le altre regioni italiane.” Lo afferma il consigliere regionale dei Riformatori sardi Michele Cossa. “Tuttavia la cosa non riguarda solo il governo.

Anche la Regione deve fare scelte precise in materia di continuità territoriale, per evitare la periodica e inaccettabile chiusura della nostra Isola al mondo esterno: impedire che si creino monopoli a favore di questa o quella compagnia, si chiami essa Alitalia o Ryanair”, continua Cossa. “Da questo punto di vista è eloquente il successo del modello scelto dall’aeroporto di Olbia, che da anni favorisce la competizione tra i vettori, stabilendo per quanto gli compete un limite massimo alla quota di mercato che ognuno di essi può detenere.

Questo ha evitato situazioni di vero e proprio ricatto, quali quelle che Ryanair ha avuto agio di esercitare su Alghero”, chiude Cossa, “dove sono stati compiuti errori strategici e gestionali che hanno dell’inverosimile”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it