Cossa (Riformatori): Troppi cervi e cinghiali, danni enormi alle coltivazioni e all’incolumità delle persone. La Regione dia il via all’abbatttimento controllato

“Ammonta a oltre 8000 unità la popolazione di cervi oggi presente in Sardegna, mentre i cinghiali, secondo i dati diffusi da Coldiretti sono oltre 35.000.

Una sovrappopolazione che comporta gravi rischi per le coltivazioni, per l’incolumità delle persone e perché concorre in modo determinante alla diffusione di malattie. Superato un certo limite, infatti, la natura si difende riducendo la popolazione attraverso le malattie, che dagli animali selvatici si trasmettono facilmente al bestiame da allevamento.
Per avere un’idea della dimensione del problema, basti pensare ai numerosi incidenti causati negli ultimi mesi dai cinghiali e ai dati sulla popolazione dei cervi, che in alcuni aerali va oltre le 20 unità per chilometro quadrato: il Trentino superati le quattro autorizza l’abbattimento.
La Regione (cioè i contribuenti) paga ogni anno centinaia di migliaia di euro di risarcimenti ai privati, che si sommano ai danni economici al sistema Sardegna, ancora  più rilevanti.
La Giunta non può stare a guardare senza far nulla: metta in piedi una task force dotata di tutte le figure necessarie (in primo luogo veterinari e biologi) per verificare la situazione e chiedere all’Unione europea l’autorizzazione al prelievo controllato di cervi e cinghiali.
Oltre ai benefici sul piano ambientale, si potrebbero anche realizzare introiti molto significativi, cosa che già da tempo fanno altre regioni, evidentemente assai più accorte della nostra”. Lo dice il consigliere regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it