Sardegna! Terra di Emigrazione ed Immigrazione.

Da sempre la nostra Regione è stata Terra che ha prodotto un grande numero di emigrati. Tanti nostri conterranei sono stati costretti a lasciare la propria Casa e le Famiglie per cercare lavoro nel nord Italia o peggio all’estero. Prima grande emigrazione in Argentina, America e a seguire in tutta Europa con il maggior numero di emigrati in Germania. Non hanno sempre avuto fortuna ed hanno avuto tante difficoltà di inserimento neri Paesi ospitanti. A quei tempi l’Integrazione non era caso facile ma con la perseveranza, il lavoro ed il rispetto delle culture, le cose sono andate via via migliorando.

Durante gli ultimi anni tanti Ragazzi continuano ad andar via ma fortunatamente più che altro per motivi di studio o per incarichi di prestigio. Sembrava troppo bello!

Purtroppo con l’inizio della crisi Politica ed Economica che ha iniziato ad attanagliare l’Italia e che ancora persiste, l’esodo dei Sardi disperati si è intensificato negli ultimi 2 anni. Numerosi sono quelli che partono all’avventura pur non conoscendo la lingua e sono disposti a fare qualsiasi lavoro pur di riuscire a vivere e sostenere le proprie Famiglie. Eh sì! Tanti Sardi partono e come per ironia, tantissimi immigrati arrivano!

Premetto che non sono contro l’accoglienza ma come possiamo accogliere decentemente queste persone se siamo noi i primi a scappare per disperazione e tanti di quelli che rimangono non riescono ad andare avanti. Senza lavoro, senza Casa, Famiglie intere che dormono in macchina o nei Container, Aziende ed Imprese che chiudono e i più deboli si suicidano. Ci si meraviglia delle lamentele e della rabbia dei nostri cittadini riguardo l’arrivo continuo di immigrati. Ma come non capire questa rabbia dopo che si vedono e si sentono certe cose tipo: Gli immigrati arrivano da noi e vengono accolti in Caserme adibite a centri d’accoglienza, Hotel o Agriturismi con tutti i confort. Pensione completa più schede Telefoniche, servizi WiFi, denaro per poter sopravvivere a loro o a chi li accoglie.

Cosa pensa di fare la Politica nazionale e Regionale? La nostra Isola è già martoriata dalla crisi. Si pensi a risolvere i problemi dei Sardi e poi si potrà pensare di accogliere questi altri disgraziati.
Pensi il nostro Governatore ad aiutare anche le Federazioni dei Circoli sardi in Italia e all’estero. Proprio da questi mi giungono le notizie allarmanti di quanti conterranei si presentino tutti i giorni nelle loro sedi per essere aiutati a cercare Lavoro, Casa, sistemazione nelle Scuole per i propri Figli ect.

Ebbene sì! Per queste persone i centri sardi distribuiti in tutto il Mondo fungono da uffici di collocamento, Agenzie Immobiliari, Uffici Scolastici e Sportelli consolari. Per tutta risposta a questo grande impegno la Regione risponde con diminuzione delle quote dei contributi, ritardi nei pagamenti e rendendo il loro lavoro sempre più complicato. Dal canto mio sono solidale con i Presidenti di tutte le Federazioni, i Presidenti e i soci di tutti i Circoli che si fanno carico di responsabilità e lavoro encomiabile. Politica tutta, risolvi i problemi dei Sardi e rendi più facile la vita a chi va via per poter campare. Aiuta quelli che vogliono e sognano di rientrare nella propria terra e poi se puoi accogli pure gli immigrati. Questo più che un consiglio è un grido di disperazione e una richiesta d’aiuto!!!

Iolanda Cabuderra

Componente Coordinamento Territoriale Sassari

 

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it