Maena Murgia: “L’agroalimentare è il motore del nostro sviluppo”

IMG_0041In questo periodo mi sto dedicando completamente alla mia professione di consulente marketing. Sto visitando tante aziende, incontrando diversi imprenditori, ascoltando le loro storie, cercando di capire i loro problemi, scambiando con loro idee e opinioni. Sto conoscendo prodotti, soprattutto agroalimentari e vitivinicoli, di una qualità superlativa, vere e proprie eccellenze della nostra terra. Prodotti che rappresentano il motore dello sviluppo imprenditoriale, commerciale e anche turistico della Sardegna. Io di questo sono ogni giorno più convinta.

Allora mi chiedo: se esiste tanta qualità perché la Sardegna non decolla come sarebbe giusto?

Io ho individuato 2 fattori critici: un sistema imprenditoriale poco lungimirante e un ambiente competitivo sbilanciato.§

Il primo fattore riguarda l’incapacità culturale di noi sardi di “fare rete”. Moltissime aziende sarde sono “microaziende” che non hanno né le dimensioni, né le capacità produttive, né tantomeno le risorse economiche per affrontare da sole il mercato globale. Adottano la strategia del “tutto subito” e si chiudono “a riccio” rifiutando l’idea di creare connessioni con altre aziende o di effettuare investimenti per sviluppare il loro business. Perché, o l’investimento consente di vendere subito, oppure non è un buon investimento. La politica ha il dovere di creare le condizioni affinchè gli imprenditori imbocchino questa strada e siano incentivati a farlo.
Il secondo fattore riguarda la competitività delle nostre piccole aziende sarde a livello globale. E qui mi riferisco a tutti i limiti imposti dall’Europa nelle esportazioni. Ma non dimentico nemmeno tutti quei fattori esogeni, soprattutto di carattere sanitario, che hanno devastato gli allevamenti e le colture. E quando dico questo ho in mente l’azienda Murru che ha pagato a caro prezzo le conseguenze di questi scompensi del sistema.
Non si applica però la stessa determinazione nel controllo delle importazioni per cui sugli scaffali troviamo prodotti che provengono da chissà dove e che possono essere venduti a prezzi ridicoli sbaragliando la concorrenza. Anche qui possiamo essere determinanti, come cittadini consapevoli e anche come Riformatori pretendendo più rispetto, regole più severe e maggiori controlli.
Maena Murgia
Samassi

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it