Gianluca Marras: “Il Piano B”

MarrasAll’indomani del voto il dato che salta agli occhi, è l’alto numero di non votanti, quasi un sardo su due, molti di questi sono giovani, che hanno perso interesse e fiducia nella politica, stufi delle solite persone che fanno sempre le stesse promesse che non vengono mantenute. Come si possono riconquistare questi delusi e riavvicinarli alla Politica? Innanzitutto è importante mettere i giovani al centro dei programmi politici: chi più di loro ha bisogno di speranza e di credere in un futuro migliore? Le proposte possono essere diverse: anzitutto il rinnovamento della classe politica, rinnovamento generazionale ma anche culturale, con attenzione alla vita quotidiana dei cittadini, alle aspirazioni, ai problemi, ai diritti e alla aspettative delle nuove generazioni.

Non è forse vero che ci sono tanti giovani brillanti, preparati, competenti, capaci di svolgere ruoli di responsabilità, di dirigenza, di controllo, e che costituirebbero – a pieno titolo – una nuova classe politica? Pari importanza riveste l’obiettivo di incentivare l’alta formazione, incoraggiare la conoscenza delle lingue – soprattutto l’inglese, elemento fondamentale per poter competere nei mercati internazionali, finanziare i corsi con insegnanti madrelingua e il conseguimento delle certificazioni, promuovere gli scambi culturali. A ciò deve aggiungersi una maggiore sinergia tra università e imprese, nell’ottica di assecondare la nascita di nuove start up.

D’altro canto, lottare in tutte le sedi (specialmente in Europa) per rivendicare le difficoltà dell’insularità significa favorire in concreto la mobilità di merci e persone, ottimizzando finalmente la continuità territoriale attualmente inadeguata, proseguendo altresì la battaglia già intrapresa per realizzare ed ampliare una fiscalità di vantaggio in Sardegna iniziando dalle accise per la benzina ma estenderla ad altri settori. Ulteriore urgenza riveste il varo di coraggiose politiche per le giovani coppie, fornendo loro aiuti per la prima casa e facilitazioni per gli affitti, ad iniziare dalla creazione di nuovi spazi abitativi, di strutture residenziali ecosostenibili con sistemi di riscaldamento passivi ed alimentate da fonti rinnovabili. Le idee sono tante, le soluzioni spesso già note, ma la cosa importante è che non resta molto tempo per attuarle. Molti, troppi giovani sardi vanno fuori realizzano il cosiddetto «Piano B», trovando fortuna in “continente”, e tanti sono già partiti, talvolta trovando lavoro e creando altrove la propria famiglia, rientrando nell’isola da semplici … turisti, per salutare i genitori e fare un po’ di mare. P. s. il tempo è poco. Muoviamoci! Altrimenti … anche chi scrive dovrà valutare … il proprio piano B.

Gianluca Marras
Coordinatore Cittadino Riformatori Sardi Oristano

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it