Cossa: il Pd vuole attuare i referendum?

“Il capogruppo Pd Giampaolo Diana è stato troppo generico sulla questione dell’attuazione dei referendum sull’abolizione delle Province. Così generico da indurre il legittimo sospetto che il Pd non abbia affatto intenzione di dare attuazione al referendum”. Lo dice il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa, commentando le parole del presidente dei consiglieri regionali del Partito Democratico.

referendum“Adesso, però – prosegue Cossa – siamo al redde rationem: ognuno deve dire chiaramente cosa intende fare. È inaccettabile che a un anno di distanza dallo svolgimento della consultazione referendaria ci siano ancora dubbi sull’attuazione di quei quesiti votati da 552mila sardi”. Insomma, non uniformarsi a ciò che il popolo ha deciso liberamente e democraticamente sarebbe, aggiunge il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, “l’ennesimo schiaffo ai sardi che allontanerebbe ancora di più il Palazzo dalla gente e dal sentimento collettivo”. Senza considerare che, prosegue Cossa, “sono stati rigettati dalla magistratura tutti i ricorsi contro i referendum, dando dunque ragione, anche dal punto di vista giudiziario, a chi ha raccolto le firme e ha fatto la campagna referendaria”. Ma ciò che è ancora più assurdo e incredibile, conclude Cossa. “è che ancora tanti nel Palazzo non si rendano conto del danno fatto alla credibilità delle istituzioni nel trasmettere ai cittadini la sensazione di aver voluto calpestare la volontà referendaria”.

15 commenti su “Cossa: il Pd vuole attuare i referendum?”

  1. Elena

    Non rispettare la volonta’ dei Sardi e’ un atto gravissimo!

  2. Danilo Secci

    I cittadini hanno espresso la loro volontà di cambiamento,firmando e votando il 6 Maggio,è un ingiustizia non rispettare questa volontà

  3. Alessandro Farci

    Come sempre la volontà dei cittadini non viene ascoltata,abbiamo votato perchè il referendum venisse approvato,e ora non capisco perchè volete fare a modo vostro

  4. Alice Puddu

    Al PD non interessa ciò che e meglio per i cittadini,e alla regione non interessa cosa hanno deciso 552 mila sardi,ringrazio i riformatori sardi per il lavoro svolto per la raccolta firme,ma purtroppo non e nell’interesse della regione cosa pensano i cittadini sardi

  5. Franco Aru

    E poi ci si lamenta che i cittadini si allontanano dalla politica,ci si lamenta che i cittadini non credono più nelle istituzioni,è anche da capire,la politica volta spesso e volentieri le spalle ai cittadini e questo dei referendum è un classico esempio

  6. Luigi Concas

    Come sempre la politica va più lenta di una lumaca,.ad un anno di distanza dalle votazioni per l’approvazione del referendum,ancora la regione non da una risposta,è un ingiustizia ,e come se i sardi fossero muti,la loro voce non viene mai ascoltata e non conta nulla

  7. Andreina Chighine

    il referendum per noi sardi è stata una cosa molto molto importante,abbiamo firmato,abbiamo votato ,e ora come sempre la regione ci volta le spalle,ringrazio comunque i riformatori per le battaglie che fanno a favore dei sardi

  8. Carlo Cominotti

    Come sempre loro decidono e noi dobbiamo stare zitti,noi decidiamo attraverso il referendum,che è lo strumento più democratico che abbiamo ,e la regione fa finta di niente,prima si rendono conto che anche noi ,anche il nostro pensiero,anche le nostre idee sono importanti e prima potremo ritornare a parlare di democrazia

  9. antonio

    C’è un segreto che pochi sanno, per la quale questi signori sono maestri….usano le istituzioni per occupare la società,GIU’ LA MASCHERA NON E’ PIU’ TEMPO DI CLIENTELE….ecco il vero motivo per la quale non vogliono abolire le Provincie.

  10. Stefano

    Basta temporeggiare, è ora che tutti i partiti si esprimano chiaramente, così i cittadini potranno giudicare la loro affidabilità.

  11. Paolo Asunis

    Io per primo ho firmato durante la raccolta firme,il 6 maggio ero in prima fila per votare,ora che noi sardi abbiamo espresso il nostro giudizio non vedo perche dobbiamo aspettare,o peggio non dobbiamo essere ascoltati

  12. Alessia Atzori

    Il referendum per taliare i costi della politica è stata un iniziativa importantissima,e per questo dobbiamo ringraziare i riformatori,ma ora i soliti partiti stanno rovinando questa stupenda vittoria per i cittadini

  13. Valeria

    I Riformatori sono gli unici che hanno a cuore la realizzazione dei quesiti referendari, gli altri partiti hanno dimostrato di aver aderito solo a parole…

  14. Francesco Saba

    I riformatori forse sono uno degli unici partiti che pensa al bisogno dei sardi,con la loro lotta per questi referendum ci hanno dimostrato di tenere ai sardi e alla nostra bellissima isola,ora spetta agli altri partiti dimostrare di non voler rovinare i sardi

  15. Mattia Farrish

    Non capisco perchè stanno mettendo tutti questi problemi per questi referendum,ma non gli interessa proprio cosa pensiamo noi sardi!!!

I commenti cono chiusi

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it