L'insulto corre su Internet…

computer userDi Massimo Fantola

Facebook è uno strumento di comunicazione di massa, non certo un salotto dove si conversa amabilmente di cose private, magari sorseggiando un tè.

Basta, infatti, aprire una pagina su questo social network per poter diffondere la propria opinione su qualsiasi argomento ci salti in testa. Questa opportunità si traduce, evidentemente, in una grande e positiva libertà.

Detto questo, mi chiedo: sono fuori dal mondo se sostengo che questa libertà dovrebbe avere dei limiti nel rispetto non solo nel codice penale, ma anche nelle buone maniere?

Spero di no e faccio mio quello che ha detto Bersani : “chi approfitta di Internet per insultare gli avversari è, semplicemente, un maleducato.”

Ho ben presente, che la moderazione è un problema per tutti i siti dove insulti e minacce sono la consuetudine e lo sono ancor di più quando il dibattito in rete coinvolge una piazza grande e assai popolata.

E', infatti, ciò è puntualmente accaduto nella pagina nostra Facebook, quando, sabato scorso, è stato postato un messaggio di enorme successo: 190.000 visualizzazioni, 350 mi piace, 122 condivisioni, e, sopratutto, 680 commenti.; numeri degni del blog di Grillo.

Il nostro post poneva una domanda persino scontata, “ Il PD è oramai in agonia ?”. Le vicende legate all'elezione del capo dello stato, la guerra fratricida in casa democratica, le storiche ed insanabili contrapposizioni e le prospettive politiche inconciliabili tra le diverse fazioni , legittimavano, a nostro avviso, una riflessione che avesse come sfondo la Sardegna e le prossime elezioni regionali.

E' evidente che non c'era in noi la ben che minima intenzione di minimizzare la credibilità e la presa del PD sull'elettorato sardo né di pensare che gli stessi problemi non covino all'interno

del PDL, dove queste contraddizioni non esplodono solo per la natura padronale di quel partito.

Certo sapevamo che era un tema cado ma non avremmo immaginato che avrebbe suscitato , insieme ad un dibattito serio ed approfondito, un finimondo tra fans del PD e del PDL con incursioni dei grillini, caratterizzato, in alcuni casi, da una violenza verbale insopportabile.

Sia chiaro: una modica quantità di molestatori anche nel nostro sito è fisiologica(*); ma se questi sono in grado di contagiarne tanti altri la conclusione è che tutti insieme rischiano di metter in imbarazzo o addirittura di escludere dal dibattito chi cerca di mantenere un atteggiamento aperto e disponibile.

Sto parlando di coloro che come me non considerano l'insulto come la forma più genuina di democrazia, e non ci stanno ad essere etichettati come pavidi perché tentano di essere ragionevoli.(*)

A tutti noi succede, infatti, di avere difficoltà a prendere parte a questi dibattiti. A volte anche a quelli messi in rete nella pagina dei Riformatori.

(*)Sull'argomento leggi un bell' articolo di Beppe Sevegnini del 27/8/2012 sul Corriere della Sera “Insulto, dunque navigo”:

zp8497586rq

12 commenti su “L'insulto corre su Internet…”

  1. Giovanni

    Discutere di politica su Facebook non è semplice. I provocatori sono tanti e raramente si riesce a mantenere una conversazione pacata e costruttiva.

  2. Danilo Pillitu

    Facebook è uno strumento potentissimo,può far diventare una persona popolare e amata,ma nello stesso tempo può distruggerla in men che non si dica

  3. Alessio Angioni

    E uno strumento potentissimo Facebook,purtroppo e anche molto pericoloso,ha segnato una svolta nella comunicazione,ora i partiti si affidano molto a facebook,perche questo potentissimi strumento ti può far conoscere al mondo

  4. Mattia melis

    Facebook è un ottimo modo di comunicare,se usato dalle persone giuste,nel contesto della politica è utilissimo,perche ogni candidato,ogni partito può far conoscere se stesso e le sue idee a tantissime persone solo con un click

  5. Manuela Cadelano

    Facebook può essere molto ma molto pericoloso,quando si pubblica qualche cosa,si va incontri al parere al pensiero di tantissime persone,tantissime teste pensanti,ognuno di loro scrive il suo parere,la suo opinione,scrive le sue idee e tanti insulti,il risultato e un cocktail di pensieri,idee e insulti,che a volte possono rovinare la reputazione di una persona

  6. Giovanni Nonnis

    Facebook è una delle innovazioni piu importante del nostro secolo,in fatto di comunicazione,una tua frase,un tuo pensiero ,una tua foto è vista da tantissime persone nel giro di un secondo,e qualche cosa di impresionante,come un tuo pensiero viene commentato da migliaglia di persone nel giro di un secondo,non era neanche pensabile fino a 10 anni fa’una cosa del genere

  7. Maria Aru

    Facebook e uno strumento bellissimo,ma molto pericoloso se non lo si usa con la testa

  8. Alessio Meloni

    Il modo in cui viene utilizzato facebook a volte è molto pericoloso,purtropo su facebook vengono pubblicate anche tante cose non vere,e purtroppo a volte le cose vere ,vengono male interpretate,e quindi diventa pericoloso

  9. Daniele Caddeo

    Oramai facebook è diventato importantissimo e utilissimo anche per la campagna elettorale,mentre prima si andava solo in giro a dare santini e farsi pubblicità,oggi facebook rappresenta il 70% si importanza in una campagna elettorale

  10. Danilo Secci

    Non trovo giusto che facebook ,venga usato come uno strumento per insultare le persone,anzi deve essere usato per il bene della gente

  11. Mario Zedda

    certe riflessioni come dice Lei non era il caso di metterle in internet ma solo un dibattito politico in seno al suo movimento quando si lancia il boomerang si presta maggior attenzione al suo rientro …..anzjche’ al suo lancio…..

  12. Davide Boi

    Uso facebook da tanto tempo,e ho imparato che come ci vuole la patente per la macchina ci vuole anche per facebook,specialmente perchè molte persone pubblicano link senza assicurarsi se quello che dicono sia vero oppure una buffala,e quando milioni di persona credono che una buffala sia una cosa vera ,diventa pericoloso

I commenti cono chiusi

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it