Fois: patto di stabilità, nuovo schiaffo

“Nei giorni scorsi il governo ha firmato l’intesa con la Sicilia che consente di derogare al patto di stabilità. E ancora una volta, se c’è da derogare e allargare i cordoni della borsa, il governo nazionale lo fa con tutti tranne che con la Sardegna”. Lo denuncia il presidente della commissione

Bilancio del Consiglio regionale, Pietro Fois. “Lo stiamo dicendo da mesi – prosegue Fois – se il governo non ci consente di derogare al patto do stabilità, entro qualche mese potremo anche chiudere baracca perché alla Sardegna non rimarrà più nulla. Senza la deroga gli enti locali hanno le mani legate e non possono pagare i fornitori. Le imprese sarde stanno già soffrendo una crisi senza precedenti e – a causa del patto – non si vedono neppure pagare le fatture per i lavori e le forniture eseguite alla Regione, agli enti locali e agli enti pubblici”.

Un vero e proprio scandalo, prosegue ancora Fois. “E al danno si aggiunge la beffa, anche perché ancora una volta assistiamo a un governo insensibile nei confronti della nostra Isola ma pronto a soddisfare richieste di Regioni decisamente meno virtuose della nostra e che nulla hanno fatto per meritarsi l’attenzione del governo”.

A questo si aggiunge anche l’obbligo del pareggio di bilancio per gli enti locali che, dice ancora il presidente della commissione Bilancio, “sarà un’ulteriore camicia di forza per la Regione e le imprese sarde. Ormai siamo commissariati da un governo che vuole soltanto liquidare la Sardegna e i sardi”.

2 commenti su “Fois: patto di stabilità, nuovo schiaffo”

  1. Monica

    Non mi stupisce… la Sicilia fa valere il suo peso politico, cosa che la Sardegna non può permettersi di fare.

  2. Silvia

    Un Governo degno di essere chiamato tale non può fare figli e figliastri!

I commenti cono chiusi

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it