Base di Teulada, domani manifestazione

Difesa servizi Spa, la selta del fotovoltaico, il Poligono di Teulada. Ecco i temi che saranno al centro della manifestazione di domani mattina, sabato 6 ottobre, alle 10,30 al Poligono di Teulada. L’appuntamento è di

fronte alla base.

2 commenti su “Base di Teulada, domani manifestazione”

  1. Vittorio

    I sardi devono essere coinvolti nelle decisioni di Difesa Servizi, spero che vi abbiano fornito delle spiegazioni su questa vicenda per niente limpida.

  2. gino

    Sui poligoni e sulle zone adibite a basi militari, terra, mare o aria che siano, mi preme fare alcune ossevazioni :
    1° Sono assolutamente contrario al fatto che si sventoli la bandiera in cui vi è scritto solamente fuori le basi dalla sardegna.
    -Bisogna sempre contrapporre una soluzione alternativa o cercare di fare coesistere la situazione presente con gli interessi della Collettività.
    -E’ pur vero che oggi bisogna muoversi in un sistema mondiale votato alla pace, ma è altrettanto vero chenel mondo, sono esistiti, ed esistono tuttora dei veri satrapi, sempre pronti a spianare le armi e ad aprire il fuoco.
    E quindi ogni nazione non può prescindere dall’avere delle basi di addestramento e delle forze di pace, che purtroppo delle volte, possono essere tramutate in forze contrapposizione militare.
    Questo sino a quando in europa si deciderè per una forza europea, dove tutti mettono una parte di forze per creare un contingente comune, e comunque delle basi militare in ogni nazione dovranno esserci.
    -Ciò che dovremmo rifuggire è il fatto che qualcuno ci imponga un qualcosa, qiesto perchè per gli interessi della nazione italiana, la sardegna ha da sempre pagato un grosso tributo, basta pensare alla produzione industriale, dove ci hanno sempre imposto la produzione di materie prime, l’energia elettrica che esportiamo con i vari cavi collegati al continente, il carcere dell’asinara, dove venivano importata ogni razza di livello delinquenziale, lo scandalo delle rotte aeree e navali da e per la sardegna, tirrenia in primis dove i sardi occupati in quella compagnia erano poche unità e tantaltro.
    -Insomma sulle basi militai, teulada e altro, bene fanno i riformatori a puntare il dito, esporsi in un settore delicato, ma occhio agli interessi di tutta la Collettività.
    Andate avanti così, che state facendo un lavoro certosino, Ciao, Gino

I commenti cono chiusi

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it