Monti e l’Agenda sarda

Per la nostra classe politica, sia a sostegno che all’opposizione del governissimo, essersi imbattuta in Monti e avere tra le mani la sua Agenda è stata una fortuna inattesa.

Perché ? Basta domandarsi come questa avrebbe potuto occupare il proprio tempo, se non avesse dovuto discutere della prospettiva e dei provvedimenti del governo, considerato che nell’ultimo anno di legislatura non ha saputo fare nulla di propria iniziativa

Così il montismo ha ridisegnato il campo della politica. Ciascun partito (e spesso ogni sua corrente interna), incapace di presentarsi e distinguersi per una specifica visione dell’economia e della società, ha potuto elaborare una propria posizione in base alla vicinanza o alla lontananza dalla sua Agenda.

Abbiamo così i “montiani d’acciaio”(Casini e c) e gli “antimontiani di principio” (Di Pietro, Vendola e Maroni), i “post- montiani (Bersani e il nocciolo duro del pd) ,” i montiani per caso” (la brigata liberal dello stesso Pd), i “montiani a patto che…”( Alfano e i parte degli ex forzisti) e i “i no Monti senza perché” (i rimasugli dell’ex An).

Tutto ciò ha messo in movimento la politica nazionale facendo saltare le vecchie inutili divisioni ideologiche e creando le premesse perche vi possano essere nuove aggregazioni che abbiano come spartiacque la ormai famosa Agenda.

Uguale fortuna, purtroppo, non ha baciato i nostri leader regionali. Non si sono, infatti, travati,tutto ad un tratto, tra i banchi del Consiglio qualcuno capace di dare alla politica sarda quel contenuto programmatico di innovazione che loro non sono in grado di dare.

Per ciò gli schieramenti sardi, nonostante il cataclisma che sta sconvolgendo tutto e tutti, sono rimasti tali e quali in tutta la loro debolezza e finzione; immobili e muti , perché tenuti insieme più da una avversione verso l’altra parte che da un progetto comune.

Ora la domanda è: dovremmo aspettare che l’Agenda Monti sconvolga la politica nazionale per riaggregare gli schieramenti sardi sulla base di contenuti più coerenti ed attuali rispetto al tritto e ritritto schema “Sinistra- Destra”?.

Penso proprio di si.

Un commento su “Monti e l’Agenda sarda”

  1. Matteo

    E c’è chi sta già pensando a un Monti-bis… la politica nazionale ormai ha abdicato alle sue funzioni.

I commenti cono chiusi

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it