Da Cossa e Dedoni appello ai gruppi e ai partiti: in aula le leggi che recepiscono i referendum

“Portare subito in Prima commissione o direttamente in Aula tutte le proposte di legge che permetterebbero di dare risposte concrete ai sardi che si sono espressi in modo forte e determinato con i referendum del 6 maggio. Qualsiasi deroga rispetto a questo impegno non sarebbe comprensibile dalla gente, che non sopporterebbe di vedere tradite per l'ennesima volta dalla politica le sue aspettative”. È questo l'appello lanciato dal coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa, e dal capogruppo in Consiglio regionale Attilio Dedoni, che hanno scritto una lettera ai segretari dei partiti e ai capigruppo del Consiglio regionale.
Nella lettera Cossa e Dedoni ricordano che il 6 maggio, “in Sardegna è avvenuto un fatto politico straordinario: 525.000 cittadini sardi hanno scelto di votare i referendum, utilizzando un grande strumento di democrazia diretta per testimoniare la loro convinzione che in questo modo non sia più possibile andare avanti”. Insomma, proseguono i due esponenti dei Riformatori, i sardi “hanno chiesto con forza e determinazione che partisse il cambiamento vero della nostra Isola. Spetta ora al Consiglio Regionale trasformare in leggi la volontà popolare volta alla abolizione e dei consigli di amministrazione degli enti regionali, alla riduzione delle indennità dei consiglieri regionali, alle elezioni primarie per la scelta del Presidente, all’Assemblea Costituente per il nuovo Statuto sardo e non ultimo ad una radicale riforma del sistema degli enti locali in vista della definitiva soppressione delle provincie”.Per questo motivo, dicono ancora Cossa e Dedoni, “pur non potendo prevedere come si concluderanno le vicende consiliari dovremmo tutti aver presente che al primo posto dell'ordine del giorno  della restante parte della Legislatura non può che esservi obbligatoriamente la trasposizione in nome della volontà del corpo elettorale”.Dunque, concludono “mi rivolgo a te, perché tu, il tuo gruppo e il tuo partito vi uniate alla nostra richiesta di portare immediatamente, in prima commissione o direttamente in aula tutte le proposte di legge che permetterebbero di dare risposte concrete ai cittadini sardi che si sono espressi in modo forte e determinato con i referendum del 6 maggio. Qualsiasi deroga rispetto a questo impegno non sarebbe comprensibile dalla gente, che non sopporterebbe di vedere tradite per l'ennesima volta dalla politica le sue aspettative”.

Qui sotto la lettera completa.

Sigg.ri Segretari dei partiti presenti in Consiglio regionaleSigg.ri Presidenti dei Gruppi consiliari LORO SEDI  OGGETTO: Leggi di attuazione dei referendum

Caro Presidente, Caro Segretario,Domenica 6 maggio, in Sardegna e' avvenuto un fatto politico straordinario: 525000 cittadini sardi hanno scelto di votare i referendum, utilizzando un grande strumento di democrazia diretta per testimoniare la loro convinzione che “in questo modo non sia più possibile andare avanti”.Domenica 6 maggio, i sardi hanno chiesto con forza e determinazione che partisse il cambiamento vero della nostra IsolaSpetta ora al Consiglio Regionale trasformare in leggi la volontà popolare volta alla abolizione e dei consigli di amministrazione degli enti regionali, alla riduzione delle indennità dei consiglieri regionali, alle elezioni primarie per la scelta del Presidente, all’Assemblea Costituente per il nuovo Statuto sardo e non ultimo ad una radicale riforma del sistema degli enti locali in vista della definitiva soppressione delle provincie.Per questo motivo, pur non potendo prevedere come puchase propecia online si concluderanno le vicende consiliari dovremmo tutti aver presente che al primo posto dell'ordine del giorno  della restante parte della Legislatura non può che esservi obbligatoriamente la trasposizione in nome della volontà del corpo elettorale.Proprio per questo mi rivolgo a te, perché tu, il tuo gruppo e il tuo partito vi uniate alla nostra richiesta di portare immediatamente, in prima commissione o direttamente in aula tutte le proposte di legge che permetterebbero di dare risposte concrete ai cittadini sardi che si sono espressi in modo forte e determinato con i referendum del 6 maggio.Qualsiasi deroga rispetto a questo impegno non sarebbe comprensibile dalla gente, che non sopporterebbe di vedere tradite per l'ennesima volta dalla politica le sue aspettative.
Michele Cossa, Coordinatore regionale dei Riformatori sardiAttilio Dedoni, Capogruppo dei Riformatori sardi in consiglio regionale

zp8497586rq

2 commenti su “Da Cossa e Dedoni appello ai gruppi e ai partiti: in aula le leggi che recepiscono i referendum”

  1. Francesca

    Fanno bene Cossa e Dedoni a tenere alta l’attenzione… non vogliamo che i dieci referendum che ci hanno fatto tanto sperare, ora finiscano nel dimenticatoio.

  2. Pietro

    Si è visto oggi quanto il Consiglio tenga in considerazione il risultato referendario: in una seduta notturna ha votato un emendamento che ha riesumato l’indennità dei consiglieri…

I commenti cono chiusi

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it