Il Consiglio regionale e le Province

di Antonello Gregorini*

Il Consiglio Regionale esiste da sessant'anni: secondo voi era mai stato convocato due giorni prima di una votazione?

Mai!

Ma questo Consiglio, che non riesce a fare una legge buona per la Sardegna neppure per sbaglio, ha fatto il miracolo!
Ed è convocato per  venerdì 4 maggio (
http://www.consregsardegna.it/XIVLegislatura/Testi%20Unificati/TU_343-354parteII-A.asp) con un odg che lascia sbalorditi (viagra online canadian pharmacy

nt-size: small;”>TESTO UNIFICATO N. 343-354 (II)/A – Norme in materia di province e modifiche alla legge regionale 22 febbraio 2012, n. 4 (Norme in materia di enti locali e sulla dispersione ed affidamento delle ceneri funerarie).

Ma non è che il Palazzo, dopo che ha sprecato fior di quattrini nostri pur di non farci votare i referendum insieme alle elezioni comunali in funzione “anti-quorum”, abbia ora in mente qualche gioco delle tre carte sulle Province?
Caro Palazzo, facci una cortesia, non farti venire fretta sospetta, da ultimo momento: venerdì 4 maggio lascia perdere, che delle Province ne parliamo lunedì, dopo che avrai ascoltato cosa ne pensano i cittadini sardi!

* Centro studi

zp8497586rq

4 commenti su “Il Consiglio regionale e le Province”

  1. Daniele

    Semplicemente ridicoli: cosa vogliono dimostrare, che sono in grado di abolire le province? E perché fino ad oggi non hanno fatto nulla?

  2. Pasquale

    Ci sarebbe da vergognarsi! Ma ormai pur di rimanere attaccati alla poltrona ,nulla si muove. Sunu a cara ‘e sola.

  3. Rita

    Attendiamo fiduciosi il risultato della seduta del Consiglio. Sarà certamente risolutivo… ma quando mai!

  4. Carlo

    Si è saputo qualcosa dei risultati di questa convocazione last minute?

I commenti cono chiusi

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it