Massimo Fenza, coordinatore provinciale Medio Campidano “La Provincia è un danno”

“Noi siamo stati i primi sostenitori dell’abolizione delle Province. Abbiamo visto, siamo testimoni dei danni e dei problemi che ha portato l’istituzione della Provincia del Medio Campidano”. Parole che pesano. Soprattutto se a pronunciarle è qualcuno che non ti aspetteresti mai che lo facesse. Invece, è proprio per questo che pesano. E Massimo Fenza, coordinatore provinciale del Medio Campidano dei Riformatori sardi, lo dice senza paura di essere smentito. Anzi, porta le prove.
Perché dice che le Province sono inutili?
La Provincia ha impoverito ancora di più il territorio e questo è un fatto, sotto gli occhi di tutti. Una Provincia costruita a tavolino, tracciando i confini con il pennarello sulla carta geografica, senza pensare realmente a ciò che si stava facendo e alla conseguenze. Questo ha peggiorato la situazione economica del territorio del Medio Campidano, i denari sono stati sprecati, probabilmente. E si è fatto di un territorio una periferia. Ecco perché i Riformatori del Medio Campidano si sono spesi tantissimo per la raccolta di firme per i  Dieci referendum che cambieranno la Sardegna.
Un territorio, quello del Medio Campidano, che è di fatto un feudo della sinistra…
Vero. E questa è tutta colpa del centrodestra che non è stato in grado di far cambiare idea agli abitanti del Medio Campidano. Il centrodestra ha due consiglieri regionali del territorio, del Pdl, che hanno fatto poco per contribuire a far capire gli errori dell’amministrazione di sinistra e per contrastarla: c’è sofferenza e si fanno poche proposte. I Riformatori, invece, sono l’unica vera forza in movimento, dinamica della coalizione di centrodestra.
La Regione è poco vicina a questo territorio?
Io penso che la Regione dovrebbe puntare moltissimo su azioni e politiche unitarie sia turistiche sia agricole. L’agricoltura è una fonte inesauribile e assolutamente non sfruttata. Ovviamente parlo di un’agricoltura moderna, efficiente, al passo coi tempi e le richieste del mercato. La mancanza di coordinamento è forse la pecca più grave che c’è. E alla quale si deve porre assolutamente rimedio.

Un commento su “Massimo Fenza, coordinatore provinciale Medio Campidano “La Provincia è un danno””

  1. gabriele

    Massimo io sono il capogruppo dei RIFORMATORI in Provincia di Oristano e non sono d’ accordo che le provincie devono essere sopresse.
    Le provincie esistono da 150 anni.
    Io sono consigliere da circa un anno e non ho fatto a tempo ai clientelismi e se qualcuno di noi sa chi li fa deve denunciarlo.
    Il nostro partito ha deciso di attivare una lotta contro le provincie senza prima avviare un dialogo interno che portasse ad un documento comune.
    Il nostro partito parla di ricambio generazionale.
    Forse se nella regione Sardegna non prevalesse l’individualismo ma il bene comune si poteva lavorare e mettere in moto economie che sia dando alle provincie linfa per poter operare e a tutto il mondo imprenditoriale l’opportunità di dimostrare che non è vero che i SARDI non hanno la capacità di creare reddito
    Il nostro partito predica il ricambio generazionale ma forse nella testa di qualcuno c’è la convinzione che CAGLIARI ha le uniche menti con le capacità di amministrare la SARDEGNA.
    Alcuni di noi mi spaventano perchè si convincono che il populismo puo aitarci a crescere CHI e perchè.

I commenti cono chiusi

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it