Fantola: sul Porcellum occasione persa

di Massimo Fantola

Con il no della Corte Costituzionale al referendum elettorale contro il Porcellum è stata persa una grande occasione. Questo è un giorno triste per l’Italia e per la Sardegna che ha contribuito in modo straordinario con oltre 100 mila firme al successo della campagna.

Ci terremo questa porcata voluta e difesa, apertamente o in modo occulto, da tutta la partitocrazia italiana, mentre il sì al referendum ci avrebbe consentito di archiviare per sempre una legge schifosa. E di certo, adesso, il Parlamento si occuperà di tutt’altro ma non di sicuro di una riforma elettorale che avrebbe consentito agli italiani di scegliere davvero chi li governerà. Comunque questo non è il momento di mollare. Anzi con ancora più forza dobbiamo ribadire la nostra volontà ed il nostro impegno per dare le riforme all’Italia e alla Sardegna. E proseguiamo nell’appoggio forte al Movimento referendario sardo che ha depositato in Corte d’Appello le 30mila firme raccolte per i 10 referendum che ci consentiranno di cambiare la nostra Isola.

2 commenti su “Fantola: sul Porcellum occasione persa”

  1. Cristina

    Ancora una volta hanno vinto i partiti sulla gente comune,la partitocrazia in Italia continua a dominare ad autoalimentarsi .Ecco perchè vogliono essere loro a scegliere chi deve andare in Parlamento, quanto invece in democrazia devono essere sempre i cittadini a decidere, quei cittadini che soffrono ogni giorno e davvero mandano avanti quotidianamente questo nostro bellissimo paese.

  2. Redazione

    Grazie Cristina per questo tuo commento. Hai perfettamente ragione, ma la cosa importante è non rassegnarsi, continuare a lavorare per cambiare davvero e soprattutto essere determinati. I risultati arriveranno, senza ombra di dubbio….

I commenti cono chiusi

Contattaci

Riformatori sardi
Coordinamento regionale
sede: Via Sant'Ignazio,30 - 09123 - Cagliari
telefono: 070 301131
Direzione Operativa: 070 6014279
email: info@riformatori.it