Dedoni (Riformatori): Rete ospedaliera, dal Ministero la bocciatura che fa comodo ad Arru

“Dietro l’atteggiamento apparentemente schizofrenico dell’assessore Arru, che dapprima ha cercato di nascondere la bocciatura del Piano per la riorganizzazione della rete ospedaliera da parte del Ministero della Salute e poi, non appena la notizia è divenuta di dominio pubblico, ha prontamente vestito i panni del paladino dell’Autonomia, sembra di intravedere un disegno perverso, mirato a portare avanti, con l’avallo del Governo, quella politica che lo stesso Assessore ha sempre voluto e che il Consiglio regionale ha respinto al mittente: chiudere i piccoli ospedali delle aree periferiche e concentrare tutte le attività nei grandi poli pubblici di Cagliari e Sassari e, in futuro, in quello privato di Olbia”, dichiara il capogruppo consiliare dei Riformatori Sardi per l’Europa, Attilio Dedoni.

“Se la bocciatura decisa dal Ministero non fosse stata resa nota, Arru avrebbe con ogni probabilità continuato a portare avanti, in prima persona e attraverso il ‘braccio armato’ Moirano, l’attività sottotraccia di smantellamento della sanità nei territori, forte dell’appoggio trovato in quel di Roma”, prosegue Dedoni. “Una volta emersa la notizia, l’Assessore ha pensato bene di trarre dalla cosa ogni possibile vantaggio, scaricando la responsabilità delle sue iniziative su un governo retto da due partiti con cui il Pd si troverà a scontrarsi nell’imminente campagna elettorale. La verità però è che, quando Arru parla di ‘Piano voluto dalla Giunta, dalla maggioranza e dal Consiglio’, non si riferisce allo stesso Piano: la sua proposta, infatti, è stata stravolta dall’Aula grazie alla sollevazione dei territori che rischiavano di perdere i piccoli ospedali, all’opposizione di centrodestra che ha fatto proprie le istanze dei cittadini e infine alla maggioranza che, davanti alla prospettiva di perdere ulteriori consensi, si è vista costretta ad adeguarsi alla volontà popolare. Arru è sempre stato contrario alle modifiche decise dal Consiglio, tant’è che, in attesa del parere ministeriale, è andato avanti seguendo la proposta iniziale, come dimostrano i numerosi disservizi con cui tanti cittadini delle aree periferiche si trovano quotidianamente a scontrarsi. In assenza di un via libera formale, il disegno è stato quello di far morire lentamente i piccoli ospedali, lasciandoli senza personale sanitario e infermieristico fino ad arrivare a dimostrare la loro incapacità a operare e poterne così disporre il declassamento”.

“Il parere contrario del Governo sulla rete ospedaliera decisa dal Consiglio”, conclude il capogruppo, “non fa altro che rafforzare la posizione dell’Assessore, permettendogli di portare avanti alla luce del sole quanto già stava facendo sottobanco e consentendogli inoltre di allontanare da sé le responsabilità. Davanti a un quadro simile, non ci aspettiamo che l’esecutivo di viale Trento, al di là della levata di scudi autonomistica di circostanza, vada a Roma a fare le barricate per difendere un Piano che non ha mai condiviso”.