Dedoni (Riformatori): Keller, solidarietà agli operai dimenticati da chi governa in Sardegna e a Roma

Il capogruppo dei Riformatori Sardi per l’Europa in Consiglio regionale, Attilio Dedoni, esprime “la più sincera solidarietà, a nome di tutto il gruppo consiliare, agli operai della Keller di Villacidro che hanno manifestato stamani a Cagliari nel tentativo di mantenere viva l’attenzione delle Istituzioni su una crisi industriale ingiustamente sottovalutata e dimenticata da chi ha responsabilità di governo in Sardegna e a Roma”.
“Il comportamento tenuto dal centrosinistra nei confronti dei lavoratori del Medio Campidano è inqualificabile, soprattutto se rapportato alla sollecitudine mostrata verso le crisi industriali di territori evidentemente ritenuti più ‘interessanti’ ai fini elettorali”, prosegue Dedoni. “Mentre per altre industrie in crisi si scomodano assessori, parlamentari e ministri, per la Keller regna il silenzio. La Regione ha scaricato la patata bollente nelle mani del Consorzio industriale con la promessa che si sarebbe trattato di un passaggio intermedio per consentire la cessione dello stabilimento. Era, invece, il pretesto per smettere di occuparsene, visto che da allora non si è più mosso nulla, né per cercare un possibile acquirente, né per intavolare delle trattative serie con i soggetti che hanno manifestato interesse”.
“E’ ugualmente scandaloso il disimpegno che ha portato all’esclusione del Medio Campidano dalle aree di crisi complessa”, conclude il capogruppo. “Uno dei territori più poveri della Sardegna, martoriato dalla crisi economica e dalla disoccupazione, si scopre privo di qualsiasi rappresentanza politica, sia nell’Isola che nella Capitale. Il centrosinistra è sempre in prima linea quando c’è da cercare i voti dei lavoratori, ma molto meno quando c’è bisogno di impegnarsi per produrre risultati concreti che favoriscano la creazione di sviluppo, ricchezza e occupazione, e che migliorino le condizioni di vita dei soggetti più deboli”.