Cossa (Riformatori): Chiusura Medicine Brotzu: inaccettabili i disagi creati ai pazienti. Scelto il peggior periodo dell’anno

“Non concordare la chiusura dei reparti di Medicina 1 e 2 del Brotzu ha impedito a Policlinico e ATS di organizzare al meglio la loro attività, creando un danno inutile e ingiustificato a decine di pazienti che si sono visti rifiutare il ricovero. Per di più, la Direzione del Brotzu ha scelto il periodo peggiore dell’anno per fare lavori dei lavori che non erano certo di emergenza, ma assolutamente programmabili in maniera tale da limitare le difficoltà ad essi connesse.” Lo denuncia in un’interrogazione al Presidente della Giunta regionale e all’Assessore della sanità il consigliere regionale dei Riformatori sardi Michele Cossa. “I mesi invernali sono quelli in cui si registrano i picchi delle malattie respiratorie, cosa ben nota a chiunque di occupi di sanità, e questo avrebbe dovuto indurre ad evitare nel modo più assoluto di creare simili problemi, indegni di un Paese civile”, continua Cossa, che chiede alla Giunta regionale “se è a conoscenza del fatto che che la chiusura dei due reparti di Medicina del Brotzu ha costretto Policlinico e Ospedale SS. Trinità a trasferire pazienti ricoverati  affiitti da patologie mediche in appoggio presso reparti di altre specialità, facendo così saltare l’attività programmata, interventi chirurgici e determinando altri comprensibili disagi; se erano consapevoli dei problemi che sarebbero scaturiti dalla chiusura dei due reparti del Brotzu; se fossero stati discussi, oltre che con lo stesso assessorato regionale, con i responsabili dell’AOU di Cagliari e dell’ASL di Cagliari i problemi che si sarebbero creati e approntato un adeguato piano per affrontare la temporanea emergenza”.